Az. Agricola Tagliavini Alberto FRUTTA E ORTAGGI

Share

Via Provinciale 7

Salvatonica di Bondeno FE

cell. 348 0439417

icona mail

Le foto

 

I video

 

Le interviste

 immagine produttori tagliavini mappa produttore tagliavini

 

Il produttore Alberto Tagliavini, intestatario (Imprenditore agricolo)
L'azienda

Azienda a carattere frutticolo


L’Azienda nasce nel 1993. Il terreno venne acquistato dal nonno di Alberto negli anni ’30 ed è stato sempre lavorato da affittuari, fino a quando Alberto decide di affittarne e condurne una parte. Dapprima coltiva solo mele e pere, poi si differenzia adeguandosi alle regole del mercato. Dal 2011 collabora con altri produttori per implementare anche il canale della vendita diretta.

Gli appezzamenti

L’azienda si sviluppa su un terreno di 9 ettari

 

Ettari destinati alla coltivazione del pero: ha 5.12

Ettari destinati alla coltivazione del melo: ha 1.53

Ettari destinati alla coltivazione dell'albicocco: ha 0.93

Ettari destinati alla coltivazione del ciliegio: ha 0.33

Fragoleto: ha 0.50 

Superfici ritirate dalla produzione per azioni agroambientali: ha 0.54 (siepi)

Tare ed incolti: ha 0.33

Ettari destinati ad uso non agricolo e fabbricati 0.09 e 0.58

I prodotti

Fragole: Clery e Antea

 

Ciliegie: Kordia, Ferrovia, Silvia, Ssamba e Canada Giant

 

Albicocche: Kioto e Pinkot

 

Pere: Conference, Kaiser, Abate

 

Mele: Fuji e Granny Smith

Il calendario della produzione annuale

 

NOTA DEL PRODUTTORE

 

Quantitativi minimi per la vendita diretta della frutta: variano dai 3 (fragole e ciliegie) ai 5 (pesche, albicocche) ai 10 kg (mele e pere che si conservano più a lungo)

 

Altri prodotti per la vendita diretta: nel calendario non sono indicate le verdure es. zucchine, melanzane, insalata, patate, pomodori e i meloni, prodotti che vengono coltivati da aziende con cui Tagliavini ha un accordo per l’organizzazione e la gestione della vendita diretta. Queste verdure vengono vendute anche al kg.

 

 

    maggio    giugno    luglio   agosto   settembre     ottobre 
1       Fragole Ciliegie       Albicocche Pesche   Percocche Pesche   Pere      Mele Pere
2       Fragole Ciliegie       Albicocche Pesche   Percocche Pesche   Pere      Mele Pere
3       Fragole Ciliegie       Albicocche Pesche   Percocche Pesche   Pere      Mele Pere
4       Fragole Ciliegie       Albicocche Pesche   Percocche Pesche   Pere      Mele Pere
5       Fragole Ciliegie       Albicocche Pesche   Percocche Pesche   Pere      Mele Pere
6       Fragole Ciliegie       Albicocche Pesche   Percocche Pesche   Pere      Mele Pere
7       Fragole Ciliegie       Albicocche Pesche   Percocche Pesche   Pere      Mele Pere
8       Fragole Ciliegie       Albicocche Pesche   Percocche Pesche   Pere      Mele Pere
9       Fragole Ciliegie       Albicocche Pesche   Percocche Pesche   Pere      Mele Pere
10       Fragole Ciliegie       Albicocche Pesche   Percocche Pesche   Pere      Mele Pere
11         Ciliegie       Albicocche Pesche   Percocche     Pere      Mele Pere
12         Ciliegie       Albicocche Pesche   Percocche     Pere      Mele Pere
13         Ciliegie       Albicocche Pesche   Percocche     Pere      Mele Pere
14         Ciliegie       Albicocche Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
15   Fragole     Ciliegie       Albicocche Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
16   Fragole     Ciliegie         Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
17   Fragole     Ciliegie         Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
18   Fragole     Ciliegie         Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
19   Fragole     Ciliegie         Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
20   Fragole     Ciliegie         Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
21   Fragole     Ciliegie         Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
22   Fragole     Ciliegie         Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
23   Fragole     Ciliegie         Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
24   Fragole     Ciliegie         Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
25   Fragole     Ciliegie Albicocche Pesche     Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
26   Fragole     Ciliegie Albicocche Pesche     Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
27   Fragole     Ciliegie Albicocche Pesche     Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
28   Fragole     Ciliegie Albicocche Pesche     Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
29   Fragole     Ciliegie Albicocche Pesche     Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
30   Fragole     Ciliegie Albicocche Pesche     Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
31   Fragole     Ciliegie Albicocche Pesche     Pesche   Percocche     Pere Mele     Mele Pere
La produzione

Stima nell'anno: 200 tonnellate circa

Le attività e le mansioni durante l'anno

Da dicembre ad aprile: potatura, eventuali nuovi impianti

 

Da aprile a giugno: eventuale diradamento manuale dei frutticini in eccesso, primi trattamenti di copertura, apertura reti antigrandine, rilevamento trappole per la confusione sessuale degli insetti dannosi.

 

Da giugno a fine ottobre: raccolta

Consorzio o cooperativa di riferimento

 

Nessuno

 

Tipo di produzione

Produzione Integrata

 

SCHEDA TECNICA DI PRODUZIONE (di Alberto Tagliavini)

Esistono 3 grandi tipologie di agricoltura, quella tradizionale, quella organica o biologica e quella integrata.


Le tecniche impiegate nell'agricoltura integrata e biologica rispettano criteri di sostenibilità di tipo ecologico.


Nell'agricoltura tradizionale non esistono in pratica limitazioni all'impiego di mezzi chimici, se non quelli imposti dalla legislazione nazionale. L'agricoltore è libero di utilizzare tutti i mezzi per difendere le colture e per ottimizzare le produzioni,  il consumatore non ha sufficienti garanzie sulla salubrità del prodotto e sull'assenza di sostanze nocive.


La produzione organica o biologica utilizza mezzi di produzione basati solo sull'impiego di molecole già presenti in natura e rifugge l'utilizzo di quelle di sintesi. L'efficacia dei mezzi impiegati nella difesa dai patogeni e parassiti è alquanto bassa ed è pertanto necessario un loro impiego ripetuto con dosi talvolta elevate come nel caso del rame o dello zolfo.  Per produrre in modo biologico è necessaria la conversione dell'intera azienda a questo tipo di coltivazione.


Negli ambienti di produzione dell'Emilia Romagna, assai umidi e con un' elevata presenza e grado di infezioni da funghi patogeni, la produzione biologica non garantisce sempre un efficace difesa per molte colture, i cui prodotti possono difettare in qualità pur essendo venduti a prezzi elevati.


L'agricoltura Integrata
si è ampiamente diffusa in Emilia Romagna, grazie anche ad una forte volontà politica.  L'agricoltura che utilizza queste tecniche di produzione segue un "disciplinare di produzione" che stabilisce quali prodotti (normalmente quelli con minore impatto sull'ecosistema) possono essere impiegati nella difesa delle colture da patogeni e parassiti, quali dosi possono essere impiegate e quanto prima rispetto alla raccolta è necessario interrompere eventuali trattamenti.


Gli agricoltori che seguono la produzione integrata utilizzano varie tecnologie per ottimizzare l'uso   dell'acqua e dei fertilizzanti e tecniche di monitoraggio della presenza di patogeni per ridurre l'applicazione di prodotti chimici.


Le derrate alimentari prodotte attraverso la produzione integrata vengono regolarmente controllate per accertare che eventuali residui sono presenti solo al di sotto di soglie ritenute sicure per i consumatori. Ciò è particolarmente vero per i prodotti ottenuti in Emilia Romagna in cui le tecniche di produzione integrata hanno dimostrato la loro efficacia in tal senso.


La produzione integrata utilizza i risultati del progresso scientifico in campo chimico biologico ed agrario.


La scelta aziendale di utilizzare la produzione integrata deriva da valutazioni fatte per garantire da un lato una redditività dell'azienda nel tempo, che sarebbe molto incerta nel biologico, e dall'altra l'utilizzo di tecniche che consentono una qualità elevata ed un prodotto sicuro dal punto di vista igienico
. Riteniamo che con la produzione integrata si raggiunga un giusto equilibrio fra la sostenibilità economica, sociale ed ecologica.


Il concetto del Km 0 inserisce il terzo pilastro della sostenibilità, quello di tipo sociale, permettendo un' equa suddivisione del reddito in base ai rischi del processo produttivo.

L'irrigazione

Sistema ad aspersione (una sorta di doccia che bagna la chioma della pianta, garantendo un getto di 15 mt.)


Sistema a goccia
(un tubo corre a terra per tutta la lunghezza dei filari e, tramite un forellino fatto all'altezza di ogni pianta, bagna ogni singolo arbusto)

I concimi

Organico: durante il riposo vegetativo


Chimico
: in primavera

Gli stabili La casa e, separati da una strada interna, un magazzino per le macchine e gli attrezzi.
I clienti

Commercianti

 

OP - Organizzazioni di produttori

 

Vendita diretta a privati, ambulanti e ad un Gruppo d'Acquisto di Ferrara

  

Partecipazione ad eventi come lo Street Dinner a Ferrara (8 settembre 2012)

Altre attività

Campagna "Adotta un albero"

 

A causa della crisi delle produzioni agricole dovuta alla mancanza di potere contrattuale sulla filiera e quindi di un prezzo pagato ai produttori anche al di sotto del costo di produzione, l’Azienda agricola Alberto Tagliavini (in collaborazione con l'Azienda agricola Valerio Pozzati) ha lanciato a fine 2011 una campagna di adozione dell’albicocco e del pesco, allo scopo di scongiurare la scomparsa dei terreni destinati alla coltivazione e quindi all’estinzione sia della professionalità sia delle colture tipiche di qualità legate al territorio.

L'adozione dell’albero consente di poter ricevere tutta la produzione della pianta per la campagna 2012, indicativamente in 3 consegne settimanali, stimata fin da ora in circa kg. 20,00 complessivi.

La quota  di adozione di ogni albero è di € 40,00 per ogni singola pianta di albicocco, di € 30 per la pianta di pesco.

Il contratto è regolato dall’articolo 1472 del Codice Civile, per la Vendita futura dei frutti di un albero.

Il contesto territoriale

In località Porporana permane il Bosco di Porporana, un bellissimo bosco che intende salvaguardare l'ambiente tipico delle zone golenali del fiume Po, così com'erano nei secoli passati. Il bosco e la golena sono principalmente utilizzati dal punto di vista didattico e turistico ricreativo. In giugno si rinnova l'appuntamento con l'iniziativa serale Le lucciole nel bosco.

L'azienda si trova inoltre lungo la Strada dei vini e dei sapori e sul Percorso cicloturistico "Destra Po".

Nella vicina Copparo, si può visitare il Museo della civiltà contadina che presenta tre diversi cicli della tradizione contadina: del grano, della canapa e del vino.